FISIOLOGIA E NEUROFISIOLOGIA DEL CONTROLLO MOTORIO

Crediti: 
11
Anno accademico di offerta: 
2016/2017
Semestre dell'insegnamento: 
Primo Semestre
Lingua di insegnamento: 

Italiano

Obiettivi formativi

Al termine del corso lo studente conosce e comprende i principali meccanismi delle modificazioni fisiologiche a breve e lungo termine indotte dall'esercizio fisico, i meccanismi nervosi concernenti la pianificazione ed il controllo del movimento e i principi generali della patologia del controllo motorio della semeiotica neurolica del sistema motorio e delle tecniche di studio nell'uomo. Lo studente sarà in grado di applicare le nozioni apprese per instaurare programmi di attività motoria in soggetti sani e pazienti stabilizzati. Inoltre il corso si propone di fornire le conoscenze teoriche e pratiche sui mezzi, metodi e contenuti dell’allenamento a seconda dell’età, del genere, delle caratteristiche morfologiche e del tipo di disabilità dei soggetti. Alla fine del corso lo studente dovrebbe conoscere la classificazione e la tutela sanitaria delle attività motorie e sportive nei soggetti disabili, le condizioni e le principali alterazioni dei diversi organi ed apparati che influenzano lo svolgimento delle attività motorie nei soggetti disabili.

Contenuti dell'insegnamento

Il corso si compone di diversi moduli che si propongono di fornire una visione multidisciplinare dei meccanismi fisiologici di adattamento a breve e lungo termine dell'organismo umano all'esercizio fisico, dei meccanismi nervosi alla base della programmazione ed esecuzione del movimento volontario, dei principali segni, sintomi, deficit e problemi motori derivanti da lesioni e patologie del sistema nervoso. L’insegnamento inoltre si propone di far conoscere le linee guida per la prescrizione di esercizi per le principali disabilità, i relativi test di valutazione e programmi di intervento, generali e individualizzati. Il corso si propone di insegnare a condurre e gestire le attività motorie e sportive indirizzate a utenti speciali secondo le finalità individuate nel processo di educazione, rieducazione e adattamento bio-psico-socio-ambientale del soggetto. (vedi schede specifiche).

Programma esteso

Apparato cardiocircolatorio ed esercizio fisico.
Apparato respiratorio ed esercizio fisico
Muscolo scheletrico ed esercizio fisico
Pianificazione del movimento e controllo dell'esecuzione del movimento
Pattern trifasico dell'EMG
La funzione forza-tempo
Meccanica muscolare (richiami) e teoria del punto di equilibrio
Principio dell'socronia e delle invarianti spazio-tempo
Legge della massima "smoothness" e delle traiettorie rettilinee
L’integrazione visuo-motoria
La codifica dello spazio nel controllo motorio
Il ruolo del feedback visivo nel controllo del movimento
Legge di Fitts
Teoria dell'"optic flow";
Il ruolo dell'informazione somestesica nel controllo motorio
l'esame obiettivo neurologico del sistema di moto
-Sindromi neurologiche caratterizzate da deficit di forza
-principi generali della stimolazione magnetica transcranica e sue
applicazioni nello studio del sistema di moto
-tossina botulinica e sue applicazioni terapeutiche
-Test clinici di valutazione del sistema neuro-muscolare e osteo-articolare.Il programma didattico inoltre prende in esame:
Definizione di deficit, handicap e vari aspetti della disabilità
La disabilità nella scuola
Aspetti della professionalità di chi si occupa di integrazione
L’apprendimento e la tecnica sportiva
Motricità e sport adattato: aspetti didattici metodologici
Progettazione di un intervento educativo
La tutela sanitaria delle attività sportive per disabili

Bibliografia

vedi schede specifiche

Metodi didattici

Lezioni frontali e tirocinio

Modalità verifica apprendimento

La prova di esame é orale ed è volta all'accertamento della conoscenza teorica da parte dello studente sulla materia svolta a lezione e della sua capacità di applicare le conoscenze acquisite ad esempi tratti dalla casistica fisiopatologica